Lo streaming social di eventi sportivi


Nei giorni scorsi il tribunale di Roma ha ordinato l’oscuramento di 152 siti attraverso i quali venivano proposti in streaming gratuito, in modo completamente illecito, contenuti multimediali relativi al mondo dello sport e del cinema, nonché delle produzioni normalmente proposti attraverso canali a pagamento.

Il 9 novembre si poteva guardare in diretta streaming, e del tutto lecitamente, la partita che assegnava la Supercoppa italiana di calcio a 5, tra Pescara e Rieti. Per farlo bastava collegarsi ad esempio alla pagina Facebook di PMG Sport, azienda specializzata nel fornire questo tipo di servizio. La diretta è ovviamente anche “social” e si può infatti condividere il filmato, mettere i like, commentare. Il servizio è stato offerto anche da altri portali (se non sbaglio Gazzetta.it e Corriere dello Sport hanno aderito), e non mi sono fatto sfuggire l’occasione di collegarmi e vedere com’era. Se poco prima del fischio di inizio eravamo connessi in qualche decina, nel giro di pochissimi minuti ho visto il contatore dei collegati salire a 1.300, con una serie di like e emoticons continua. Avendo una connessione discreta ma non perfetta, a volte lo streaming singhiozzava, quindi la mia personale fruizione non è stata ottimale. Ma per il resto è un ottimo servizio, del futuro potremmo dire. Sicuramente simpatico se visto su Facebook. Per una fruizione più standard basta collegarsi agli altri portali partner ovviamente.

Share

Intelligenza artificiale e Europei di calcio 2016 – Kickoff.ai

Oggi iniziano gli Europei di calcio anche per la nostra Nazionale.

Ho trovato un sito interessante che ospita un progetto di intelligenza artificiale applicato ai risultati delle partite del torneo, Kickoff.ai. Realizzato da dei giovani ricercatori informatici del Politecnico di Losanna, il sistema calcola la probabilità che una squadra vinca il match. Lo fa utilizzando dati raccolti in 10 anni, tra cui il tempo che un calciatore ha trascorso sul campo e le vittorie delle squadre in cui ha giocato.

Ovviamente il bello del calcio, e dello sport, è che non tutto è calcolabile e che gli errori o i colpi di fortuna incidono sul risultato. Il sistema poi non calcola i pareggi, che invece sono piuttosto frequenti nel calcio (circa un terzo dei match finisce in parità).

Non resta che divertirsi a seguire i pronostici. Il sitema calcola anche l’incidenza dei singoli calciatori nel risultato della propria squadra. Insomma, visto che non c’è più il polpo Paul, non ci resta che il solito computer. :-)

Share

Wylab – Incubatore di startup sportive

Da febbraio è attivo Wylab, Sports Tech Business Incubator. Un incubatore di impresa per lo sviluppo di start up attive nel settore dello sport: l’obiettivo è aiutare i giovani con buone idee a realizzarle, diventare “grandi” e camminare da soli.

Antonio Gozzi (attivo nel settore siderurgico ma anche presidente dell’Entella Calcio) si è impegnato finanziariamente per creare Wylab: “Chiavari – dice – è uno dei luoghi più vivibili d’Italia. È bella, è in Riviera, è connessa. Attirerà molte realtà da fuori. Abbiamo costituito un gruppo di imprenditori disposti a rischiare qualcosa per scommettere su giovani promettenti. La struttura c’è, ora dobbiamo farla funzionare“. L’investimento per la struttura è stato di 600 mila euro, i costi di gestione annui sono valutati in 300 mila euro.

Il progetto WyLab nasce dalla fortunata storia che lega il sottoscritto ad alcuni amici e ad Antonio Gozzi, il primo a credere anni fa in Wyscout – racconta Matteo Campodonico, fondatore di WyScoutquesta esperienza, diventata un punto di riferimento per molti ragazzi, ci ha consentito di sviluppare una conoscenza molto estesa delle applicazioni digitali integrate allo sport. Ecco perché abbiamo pensato a un incubatore “sports tech”: fornire un contributo concreto ai giovani che si presenteranno da noi sarà molto più facile”.

Wylab sorge a Chiavari nelle aule ristrutturate dell’ex liceo Delpino. Ha attrezzato 1500 metri quadrati con 150 scrivanie a disposizione per nuove imprese e coworking. Il centro appena inaugurato è aperto 24 ore su 24.

Leggo che i progetti arrivati all’attenzione di Wylab sono stati diversi, anche dall’estero. La prima selezione dei progetti nel settore dello sport è stata fissata per il 18 marzo scorso. I proponenti hanno avuto venti minuti di tempo per convincere un gruppo di imprenditori a investire su di loro. Se la risposta sarà positiva inizierà la “fase due”, per quattro mesi il progetto sarà accompagnato da esperti messi a disposizione dalla struttura, un tutoring necessario per testare la validità dell’idea.

In bocca al lupo a tutti, e il mio personale benvenuto a Wylab!

Share

Il fitness guarda alla tecnologia con i Radar Pace

Si chiamano Radar Pace e sono degli occhiali intelligenti creati dalla collaborazione tra l’azienda italiana Luxottica e la Intel, pensati per il settore sportivo e il fitness in particolare. Infatti portano il marchio Oakley, brand americano di Luxottica dedicato a sport e lifestyle.

Gli occhiali funzionano con i comandi vocali. Durante la presentazione è stato il tre volte campione mondiale di Iron Man Craig Alexander a mostrare a pubblico e media il funzionamento degli occhiali. Ha interrogato il dispositivo con un paio di domande “Qual è il mio programma di allenamento oggi?”, “Qual è il mio passo medio?”. I Radar Pace rispondono attraverso un paio di auricolari. Sono intelligenti in quanto in grado di imparare dalle normali attività di allenamento.
Il design ricorda quello di alcuni occhiali Oakley già presenti sul mercato, pertanto non sono così avveniristici (e poco accattivanti) come i Google Glass, ma quel che è più importante è che si tratta di un prodotto dedicato a chi fa fitness tanto quanto ai runner e ai ciclisti, ovvero a chi fa sport all’esterno.

Per ora non si sa quando il prototipo verrà definitivamente sviluppato per divenire un prodotto commerciabile, si pensa comunque possa essere lanciato nel mercato verso la fine del 2016.

Share

Lo Streaming del Basket LNP


Da inizio mese è possibile seguire le partite della Lega Nazionale Pallacanestro tramite il servizio LNP TV Pass, che consente agli appassionati di vedere in diretta streaming, e successivamente on demand, le partite di tutte le 32 squadre di serie A2.
Per accedere a questo servizio è possibile sottoscrivere un abbonamento mensile o annuale.

Come ha spiegato il Presidente di LNP, Pietro Basciano “la partnership siglata tra Lega Nazionale Pallacanestro e StreamAMG rappresenta un passo fondamentale per il nostro progetto di visibilità su Internet. Il mercato indica chiaramente come le produzioni televisive debbano avere una presenza forte nella veicolazione delle immagini via streaming. Vantare al nostro fianco un partner della qualità e della visione di StreamAMG, per trasmettere un campionato di Serie A2 che è unico anche nei suoi numeri, consente a noi di LNP di proseguire con fiducia nel raggiungimento del nostro obiettivo. Mettere in rete 32 palasport e trasmettere le partite in diretta, è molto ambizioso. E senza precedenti, in Italia.”

Questo il link al sito del servizio LNP TV Pass. Gratis fino al 31 ottobre!

Share
1 2 3 11