Lo Sport al Cinema: Ron Shelton e gli altri

filmografia Ron Shelton

Questo mese si è svolta la ventottesima edizione dello “SPORT MOVIES & TV 2010 – 28th MILANO INTERNATIONAL FICTS FEST“, festival internazionale dedicato al cinema, alla televisione ed al web nello sport.

Ne prendo spunto per scrivere un post che sono anni che mi frulla in testa. :-) Da moltissimo tempo volevo omaggiare un personaggio del cinema che si è ritagliato un ruolo importante nei film sportivi, ovvero lo sceneggiatore e regista americano Ron Shelton.

Nell’immagine di sopra si possono vedere le locandine di alcuni film che ha sceneggiato, alle volte diretto, lungo la sua trentennale carriera ad Hollywood. Essendo nato e cresciuto alle porte di Los Angeles, è probabile che si sia innamorato del cinema “sotto casa”, a Whittier, location ideale per moltissimi film e serie televisive.
Tuttavia, prima di iniziare la carriera nel cinema, fu un giocatore di baseball nelle leghe americane minori (da qui l’ispirazione per il suo primo film da regista del 1988 “Bull Durham – un gioco a tre mani“, con Kevin Costner, Tim Robbins e Susan Sarandon).

Tra i suoi film ci sono due titoli che ho letteralmente adorato: nel 1992 scrisse e diresse “White Men Can’t Jump – Chi non salta bianco è“, due anni più tardi cura la sceneggiatura di “Blue Chips – Basta vincere“, pellicole ambientate entrambe all’interno del mondo del basket, sebbene in contesti molto diversi.
Il primo film narra infatti la storia di un ragazzo bianco (interpretato da Woody Harrelson) che si guadagna da vivere giocando tornei e scommettendo ai playground contro gli afro-americani, i quali si sentono cestisticamente superiori (da qui il titolo “gli uomini bianchi non son capaci di saltare”), mentre il secondo tratta di alcune problematiche comuni nei top College americani, ovvero le “macchinazioni” che vengono messe in atto per assicurare al proprio team i migliori prospetti usciti dalle High-School. Al fianco di un convincente Nick Nolte hanno recitato Shaquille O’Neal e Larry Bird, due fra i più grandi giocatori della storia NBA.

Altri film che Shelton ha realizzato sono stati ambientati nel mondo del golf (protagonista ancora Kevin Costner) e in quello del pugilato, che però ammetto di non avere ancora visto.

Ovviamente non è l’unico cineasta ad aver girato pellicole ambientate nell’universo sportivo per il grande schermo. Anche i registi più noti e blasonati vantano almeno un film di questo tipo nella lora carriera.
Faccio alcuni esempi: il grandissimo Martin Scorsese ha diretto un Robert De Niro da Premio Oscar in “Raging Bull – Toro scatenato“;
il tifosissimo dei New York Knicks Spike Lee ha realizzato la sua pellicola di basket “He Got Game” (altre star dell’NBA in scena, Ray Allen e Rick Fox), ed ha solo di recente accantonato il suo progetto di girare un film su Jackie Robinson, primo afro-americano ad essere stato ammesso nella Major League Baseball;
il Premio Oscar Oliver Stone ha diretto un ottimo Al Pacino e la bellissima Cameron Diaz in “Any Given Sunday – Ogni maledetta Domenica“, che è ambientato nel mondo del football americano.
Clint Eastwood ha entusiasmato pubblico e critica prima con Million Dollar Baby, film che gli ha fatto vincere l’Oscar anche per la regia, ed ultimamente con Invictus, entrambi impreziositi dal grande attore Morgan Freeman.

Hai qualche altro “film sportivo” da consigliare? :-)

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *