3D nello Sport: Wimbledon e la BBC

La prima volta che ho visitato Wimbledon mi aspettavo fosse esattamente come avviene in televisione. Dopo anni seduta davanti allo schermo a guardare le palline, e le teste degli spettatori, oscillare avanti e indietro, credevo di sapere come sarebbe stato essere seduta al Centre Court. Mi sono resa conto che non lo sapevo, e che per quanto la TV possa fare un grande lavoro, non può catturare la magia di essere realmente lì.

Come la maggior parte di noi non avevo mai avuto la fortuna di potermi sedere e guardare una partita finale sul Centre Court. Ma quest’anno – il 125° anniversario del Torneo di Wimbledon – ho lavorato con altri all’interno e all’esterno della BBC per cercare di portarvi the next best thing – Le Finali del Torneo Singolare di Wimbledon, in 3D.

Wimbledon sembra sempre senza tempo – ma in realtà è stato teatro di innovazioni per lo sport in TV sin dalla precoce introduzione del colore, fino alla tecnologia Hawk Eye.

Sappiamo che il tennis può essere “emozionante” in 3D – si può davvero trasportare alla vita la forza che i giocatori mettono nei lori colpi. Ho avuto la fortuna di vedere alcuni degli incredibili test di ripresa che abbiamo condotto, dato che il team si è impegnato alacremente dietro le scene per sistemare tutto al meglio per le riprese televisive, ma non vedo l’ora di capire come sarà un vero match giocato da due dei migliori tennisti.

[…]

La BBC sta sperimentando il 3D da decenni – ma come è noto gli ultimi sviluppi in fatto di tecnologia 3D hanno reso tutto molto, molto più sofisticato come esperienza visiva, e stiamo lavorando con l’All-England Club e il Sony Professional per questa “prima” della BBC.

[…]

Non so ancora se il 3D sarà il futuro della televisione, o il futuro di Wimbledon: ecco perché stiamo facendo questa prova sperimentale. Ma io sono davvero entusiasta di vivere la finale di quest’anno in 3D. E se siete in grado di guardare in 3d mi piacerebbe sapere cosa ne pensate.

Tradotto da 3D for Wimbledon – the future of TV? di Danielle Nagler

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *