Rémi vs Sambu : The Challenge!

#remivsambu

 

Rémi Gaillard è un giocoliere francese, di Montpellier, che col pallone sa fare di tutto. Ha una pagina su Wikipedia, 8 milioni di fans su Facebook.
Un autentico fenomeno, come si può vedere sul suo canale YouTube: https://www.youtube.com/user/nqtv

 

Massimiliano “Sambu” Sambugaro è un calciatore italiano, e anche lui da qualche mese pubblica filmati in cui fa numeri di prestigio col pallone. Guardare il suo canale Instagram per credere: https://www.instagram.com/massimilianosambugaro/

Ha già sfidato Messi e Bobo Vieri col “crossbar challenge”

 

Rémi vs Sambu : The Challenge!

Se anche tu come me non vedi l’ora di una super sfida Rémi vs Sambu, aiutami a far girare questo post sul web!

hashtag ufficiale: #remivsambu

 

😀

Share

Mostra “Scienza e Sport” fino al 28 maggio 2017


Ha preso il via da qualche settimana la mostra “Scienza e Sport” presso il Museo di Storia Naturale e archeologica di Montebelluna (TV). Evento che si protrarrà fino al prossimo 28 maggio 2017. Si legge che sono state installate delle postazioni interattive per svolgere semplici esperimenti e giochi, interagire con le collezioni, utilizzare strumenti multimediali, leggere documentazione e vedere video. Insomma, una mostra molto all’avanguardia.
Sono sette le sezioni in cui è suddivisa la mostra:

  1. Fisica e sport
    2. Chimica e sport
    3. Anatomia e fisiologia e sport
    4. Alimentazione e sport
    5. Tecnologia e sport
    6. Psicologia e sport
    7. Alle origini dello sport

Per noi quella più interessante è ovviamente la sezione dedicata alla tecnologia. Nello specifico leggiamo che:

Tecnologia e sport
Le scoperte tecnologiche hanno cambiato totalmente l’aspetto economico, sociale e culturale del nostro pianeta, e in poco più di un secolo le prestazioni atletiche sono migliorate in maniera incredibile: merito delle tecniche di allenamento, ma anche dell’uso dei nuovi materiali. Attraverso oggetti e postazioni multimediali viene analizzato quanto e in quale modo la tecnologia condizioni e controlli lo sport, stimolando la riflessione su aspetti negativi e positivi.

Questo il sito della mostra dove trovare tutte le informazioni.

Se qualcuno volesse andare magari ci si organizza e si va assieme :-)

Share

1985: i Mondiali di Ciclismo su Pista a Bassano del Grappa

Anniversario prestigioso per la mia città, Bassano del Grappa. Sono passati 30 anni dall’edizione dei Campionati del Mondo su pista di ciclismo del 1985. Questo post vuole essere un ricordo che serve anche al sottoscritto per conoscerne qualcosa di più, visto che di quell’edizione non so praticamente nulla: all’epoca avevo solo 4 anni e mezzo e sicuramente i miei genitori al velodromo “Rino Mercante” non mi ci portarono.

Scopro così che l’impianto, che ora fa da cornice alle partite di calcio, al tempo era stato sistemato alla perfezione, risultando un velodromo efficiente e molto veloce: la pista venne rivestita con una speciale resina che la rese più scorrevole di quanto fosse mai stata. Infatti, a una settimana dalla conclusione della manifestazione, il danese Oersted, fresco vincitore dell’inseguimento, stabilì il nuovo record dell’ora al livello del mare (48,145 chilometri).

L’idolo di casa era Francesco Moser, che scendeva in pista nell’inseguimento individuale. Tuttavia il trentino non riuscì a vincere nessuna medaglia, perdendo la semifinale col sopracitato Oersted. A Bassano scese in pista anche il giapponese Koichi Nakano, che aveva già vinto otto mondiali consecutivi nella velocità pura. Con quella di Bassano le medaglie d’oro divennero nove. Nella sua splendida carriera Nakano riuscì a vincere anche un decimo titolo, stabilendo un record ancora imbattuto.

Per la Nazionale Italiana 3 gli Ori Mondiali: a far suonare l’inno di Mameli furono il professionista Bruno Vicino, il dilettante Fausto Dotti nel mezzofondo dietro moto, il Quartetto della prova Inseguimento a squadre, che si componeva di Roberto Amadio, Giampaolo Grisandi, Massimo Brunelli e un giovane Silvio Martinello, futuro campione olimpico, oggi apprezzato commentatore Rai, gentilissimo nel rispondere a qualche domanda.

Cosa ricorda di quell’esperienza? C’era attesa, è andata bene?

I ricordi naturalmente sono bellissimi, fu il mio primo titolo mondiale, ne arrivarono altri 4 successivamente, ma il primo non si scorda mai. C’era naturalmente attesa, i Giochi di Los Angeles che si svolsero l’anno prima non andarono benissimo, eravamo i favoriti e giungemmo solo quarti, tecnicamente il mondiale era più difficile a causa della presenza dei paesi dell’Est, che ai Giochi boicottarono l’evento, però riuscimmo nell’impresa, per la felicità generale, nostra naturalmente e della Federazione che tanto investì in quell’evento.

A distanza di molti anni, che cosa possiamo ricordare di Bassano 1985?

Possiamo ricordare i Mondiali di Bassano del Grappa come l’importante evento organizzato nel glorioso velodromo, un’edizione di grande successo, una delle poche che vedeva ancora i mondiali su pista organizzati in concomitanza con i mondiali su strada, con la presenza di grandi atleti della strada, ricordiamo Francesco Moser su tutti.

Un velodromo come quello del Mercante è ormai fuori moda?

Il velodromo Mercante non è fuori moda, gli eventi più importanti a livello mondiale si svolgono su impianti coperti ed a fine inverno, pertanto con le regole attuali Bassano non potrà ospitare eventi del genere, ma un mondiale giovanile, una 6 giorni come un tempo, campionati nazionali e manifestazioni di carattere internazionale non sono precluse, quindi l’auspicio è che ci sia la volontà di rilanciare un impianto che non possiamo permetterci di perdere.

Share

Mediterranean Football Forum 2015

Scouting, match analysis, goal technology, web app e tanto altro al Mediterranean Football Forum 2015, che si terrà nei giorni 2 e 3 giugno 2015 nella splendida cornice di Città della Scienza, luogo simbolico per Napoli e i napoletani.

L’evento B2B è riservato agli operatori che lavorano nel mondo del calcio (Direttori sportivi, osservatori, procuratori, allenatori, psicologi dello sport, preparatori atletici e analisti) e sarà arricchito da workshop e seminari affidati a grandi esperti del settore. Nel pomeriggio spazio agli appuntamenti con i club professionistici ospiti della manifestazione, secondo un’agenda tenuta dallo staff e continuamente aggiornata. Un’opportunità unica per chi vuole tenersi aggiornato sulle ultime novità tecnologiche e per chi vuole sostenere un calcio sostenibile che strizzi l’occhio al futuro.

 

Share

Convegno “Sport è impresa… lo sport crea valore”

Ringrazio il CONI Lombardia per avermi invitato al convegno che si terrà presso la sede di Confindustria Monza e Brianza lunedì 10 novembre alle ore 17.00 dal titolo: “Sport è impresa… lo sport crea valore“.

Non avrò modo di parteciparvi, tuttavia mi sembra molto interessante. L’obiettivo è quello di creare un dialogo e rafforzare la collaborazione tra il mondo CONI, tramite la Scuola Regionale dello Sport (ed i progetti territoriali) e le imprese presenti sul territorio.

Questo il programma del convegno.

Share
1 2 3