Un nuovo modo di vendere il prodotto calcio

NewsLetter n.3, del 14/4/2000 FIGC

newsletter bacconi DSP

Le società di servizi legate alla raccolta ed alla elaborazione – statistica e grafica dei dati – sono presenti, ormai, in tutte le attività commerciali, essendo cresciute di pari passo con l’evoluzione dei nuovi sistemi informatici.
Le moderne tecnologie digitali hanno, inoltre, enormemente facilitato l’utilizzo delle banche dati in un settore in forte crescita come è quello delle telecomunicazioni.

La DigitalSoccer Project srl è un’azienda specializzata nella consulenza e nell’analisi degli aspetti tecnici del mondo del calcio. I suoi collaboratori sono esperti del settore sportivo, di marketing e di information technology & communication.
Due sono le direzioni percorse per mantenere la nostra società di servizi all’avanguardia: offrire contenuti e creare nuovi spazi di mercato. Queste due esigenze sono strettamente correlate tra loro.
La mole di dati raccolta sugli eventi agonistici (circa cinquemila informazioni a partita) non è un semplice esercizio accademico. Gli strumenti informatici sono un mezzo per dare delle risposte alle domande che allenatori (in primis), preparatori e ricercatori scientifici pongono. Lo sforzo è quello di dare delle innovative chiavi di lettura, partendo da una più approfondita ed dettagliata analisi del gioco.
E’ chiaro, quindi, che i clienti principali della nostra banca dati, sono le società di calcio stesse. DigitalSoccer è ormai uno strumento di lavoro usato quotidianamente dai tecnici per interpretare con i propri giocatori la partita e per studiare l’avversario di turno. Ma è anche un veicolo conoscitivo importante per gli operatori di mercato (direttori sportivi, procuratori, etc.).

Dai contenuti ai mass media il passo è breve. Infatti giornali e riviste hanno scoperto da alcuni anni la necessitòà di dare uno spessore tecnico ed un’oggettività ai propri dibattiti. I quotidiani specializzati pubblicano spesso classifiche di rendimento e dedicano ampi spazi agli approfondimenti tattici, basandosi, non più sulle opinioni personali (il voto dell’inviato) ma su parametri inoppugnabili.
La capacità di fare business è sempre più correlata alla multimedialità. L’editoria digitale (cd-rom, videogames, DVD, etc.), la tv satellitare e Internet, rappresentano una vera e propria rivoluzione elematica. L’informazione per far presa deve essere trasparente, immediata e di facile consumo. L’immagine acquista priorità assoluta perché racchiude in sé tutti questi requisiti. Le immagini, per distinguersi e creare interesse duraturo, devono essere legate da un filo logico. Necessitano, quindi, di un supporto statistico ed interpretativo. La banca dati per essere funzionale alle esigenze delle televisioni monotematiche (D+, Stream, Milan Channel) deve poter offrire questi servizi in real-time. Del resto l’aggiornamento dei dati è anche la problematica più grossa dei siti Internet. Non basta la veste grafica accurata per rendere vincente un sito. E’ il numero dei contatti che richiama i grandi sponsor, e questi si ottengono creando nel “navigatore” continuamente nuove aspettative e nuove curiosità.

Il “calcio giocato” vive e si finanzia con il “calcio virtuale“, impossibile pensare di tornare indietro. L’operazione vincente sarà quella di far convergere gli interessi di questi due mondi paralleli, permettendogli di lavorare con gli stessi strumenti e facendoli ragionare con un linguaggio comune.

Allargando lo sguardo oltre confine l’anno scorso di questi tempi, ho avuto dei contatti diretti con una società inglese che si chiama “OPTA Index Limited” di Londra che voleva acquistare il mio sistema di rilevamento dati per sostituirlo al loro che è completamente manuale e che richiede un tempo di circa 9 ore per immettere circa un quinto delle informazioni che, con il DigitalSoccer, si riesce a catalogare in tempo reale.
Aldilà del gap tecnico, il loro piano di marketing è stato sicuramente valido ed esportabile. Hanno usato lo sponsor ufficiale della Premiership, la “Carling”, per coprire i costi dell’operazione e diventare i fornitori ufficiali della Premier League. Tutti i dati erano così pubblicati sul sito ufficiale della Premier League, in parte gratuitamente, in parte a pagamento. Le società di calcio potevano usufruire delle banche dati, collegandosi al web via Internet. La Opta, forte dell’ufficialità acquisita, ha poi venduto con il marchio “Opta-Carling” le statistiche a giornali e televisioni, realizzando un business importante. E’ l’unica banca dati tecnica di cui sia a conoscenza e che operi sia con le squadre di calcio che con i mass-media.

Ci sono poi altre aziende che hanno realizzato dei software anche molto sofisticati, ma che non vendono servizi, bensì sistemi.

Le più avanzate sono le società francesi. La “VideoSport“, ad esempio, ha realizzato un programma di animazione computerizzata (“Tactic tool“) per i giochi sportivi (basket, pallavolo, pallamano e calcio), e inoltre sta sperimentando un complesso sistema (“Amisco“) che permette la ricostruzione automatica delle posizioni in campo di calciatori, pallone ed arbitro, attraverso 6 telecamere dedicate, poste sopra il perimetro del campo.

La “Scanfoor“, altra azienda transalpina, ha immesso sul mercato, un software che permette l’analisi dell’incontro direttamente dalla tribuna durante il suo stesso svolgimento. Al termine dell’incontro è in grado di offrire un gran numero di statistiche.

Anche una ditta americana – la “Asobou’s Inc.”, specializzata in baseball e basket – commercializza da qualche tempo un software sul calcio (“Soccer Analysis System“). Si tratta di un sistema che permette anch’esso di rilevare gli scout dei giocatori e di fare alcune ricostruzioni grafiche.

L’anno scorso si è svolta al palazzo del Festival di Cannes, un’importante fiera internazionale, la “Football Expo 99“, che ha visto partecipare numerose aziende, pronte ad entrare con le loro tecnologie, sempre più innovative, anche in un mercato molto chiuso e arroccato sulle sue tradizioni, come è quello del calcio.

Autore: Adriano BacconiDigitalSoccer Project
Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *